China bashing

L’espressione inglese China bashing si riferisce allo sport favorito dei media occidentali di ogni tendenza (sfortunatamente, anche di sinistra) che consiste nel denigrare sistematicamente, anche fino alla criminalizzazione, qualunque cosa venga fatta in Cina. La Cina esporta paccottaglia economica nei mercati poveri del terzo mondo (ciò è vero), un orribile crimine. Ma produce anche treni ad alta velocità, aeroplani e satellite la cui meravigliosa qualità tecnologica è apprezzata in occidente ma a cui la Cina non dovrebbe aver diritto! Sembra che si penso che la costruzione di massa di case per la classe operaia non sia nulla di diverso dall’abbandono dei lavoratori negli slum e si equipara la “diseguaglianza” in Cina (le case per lavoratori non sono ville opulente) a quella dell’india (ville opulente a fianco degli slum), e così via. Il China bashing conforta le idee infantili che circolano tra alcune correnti dell’impotente “sinistra” occidentale: se non il comunismo del ventunesimo secolo, allora è tradimento! Il China bashing aiuta anche la campagna sistematica per il mantenimento delle ostilità anti cinesi in vista di un possibile attacco militare. Tutto questo non è altro che un tentativo di distruggere le possibilità di un vero rinascimento di un grande popolo del Sud.

ImageHandler

-Samir Amin, China 2013-