Dopo il 18 novembre: linee di politica estera a sinistra

Il sottoscritto sull’ultimo numero de La Città Futura

Dopo il 18 novembre: linee di politica estera a sinistra

Su Ue, Nato,america latina qual è la posizione delle sinistre (oltre a Eurostop, che si esprime da tempo) su questi temi nel post-Brancaccio?

Il fallimento del Brancaccio e l’assemblea lanciata dall’Ex Opg – Je So Pazzo hanno reso chiari quali sono i progetti che si presenteranno, o proveranno a presentarsi, alle prossime elezioni politiche. A “sinistra del PD” lavorano tre possibili liste: la riedizione bonsai del centrosinistra tra MdP, Possibile e Sinistra Italiana, la “lista popolare” che si prova a lanciare dopo l’assemblea al Teatro Italia e infine la bicicletta trotzkista annunciata da un articolo comune di Sinistra Classe Rivoluzione e del PCL.

Per quanto si tratti di processi in corso, è già possibile provare a capire quali saranno le linee di politica estera di queste formazioni. In particolare, per quanto riguarda il rapporto col “vincolo esterno” dell’Unione Europea, con la NATO e la visione sul Sud America, che negli anni è diventato una cartina tornasole dell’avvicinamento o allontanamento dalle “compatibilità del sistema”.

Il centrosinistra bonsai

L’alleanza D’Alema-Civati-Fratoianni non ha ancora una forma organizzativa e per ora la sua proposta politica consiste in un poco convincente tentativo di riproporsi come rappresentanti del lavoro e soprattutto di polemica con l’ex alleato Matteo Renzi. Poco o nulla è detto a proposito di ciò che accade oltre i confini italiani. Come abbiamo segnalato su La Città Futura, alcuni membri di MdP hanno provato a dispiegare qualche posizione vagamente più coraggiosa rispetto a quelle del PD, salvo annegarle nella fedeltà all’impianto pro Unione Europea e pro NATO.

Retoricamente, potrebbe bastare ricordare ciò che Edward Lutwak disse del leader Maximo: “qui a Washington ricordiamo D’Alema come l’unico premier italiano che ha combattuto da alleato al fianco degli Stati Uniti. Fin dall’inizio, senza cambiare idea e senza distinguo. Ci ricordiamo che è stato leale, fedele, serio e che non ha ceduto di un millimetro nonostante nel suo partito ci fosse una componente pacifista”.

Nella retorica dei nuovi DSc’è però almeno un riferimento programmatico elaborato: il programma di Italia Bene Comune, quando il centrosinistra era ancora guidato da Bersani. Nella Carta d’Intenti del centrosinistra – composto allora da PD e SEL – si leggeva che l’unico progetto possibile per l’Italia sarebbe stato quello europeo, da rilanciare, rafforzando la piattaforma dei “progressisti europei” (di fatto, il Partito del Socialismo Europeo). Secondo Italia Bene Comune, i due assunti europeisti dell’austerità e dell’equilibrio dei conti pubblici sono necessari benché non debbano diventare dei dogmi fini a se stessi. Infine, la soluzione era, ovviamente, “più Europa”.

Sul Sud America, infine, risuonano ancora le parole di Bersani che temeva che, in Italia, dopo Berlusconi sarebbe arrivato un Chavez. L’integrazione dei nuovi DS nella famiglia della socialdemocrazia europea mantiene ferma questa posizione, come dimostra l’assegnazione del Premio Sakharov per la libertà di espressione alla “opposizione democratica venezuelana”. Il premio è assegnato, di fatto, come accordo politico tra il gruppo europeo dei socialdemocratici e quello dei cristiano-democratici. Sarebbe interessante sapere cosa pensa di questo Sinistra Italiana, che ha aderito come osservatore al Partito della Sinistra Europea. D’altra parte, gli eurodeputati di Sinistra Italiana in realtà restano divisi in Europa: Curzio Maltese resta nel GUE/NGL (che contesta il Premio Sakharov), mentre Cofferati continua a lavorare nel gruppo socialdemocratico.

Dopo il Teatro Italia

L’insieme di forze che ha lanciato l’idea di una “lista popolare” deve ancora elaborare il suo programma. Quello che è sicuro, è che si gioca in tutt’altro campo rispetto a quello del nuovo centrosinistra. La maggior parte degli interventi si è concentrata sul conflitto tra capitale e lavoro, sulle vertenze e sulle lotte realmente esistenti in Italia. E poi, la discussione sul vincolo esterno dell’Unione Europea. Al Teatro Italia non si sono sentiti richiami a “più Europa”, “Europa dei popoli”, “Europa sociale”. Anzi, chi ha battuto sulla dimensione europea l’ha fatto per chiedere ancora più nettezza nella rottura con la gabbia dell’UE.

Una delle novità dell’assemblea al Teatro Italia è stata proprio la discussione aperta sul tema, a differenza delle innumerevoli altre “esperienza democratiche e partecipate” in cui le posizioni euro-critiche, anche le più timide, venivano relegate a una piccola minoranza da zittire agitando l’accusa di essere cripto-lepenisti.

I tremendi trascorsi del centrosinistra come attuatore dell’atlantismo hanno lasciato il segno. Il D’Alema della guerra del Kosovo, il centrosinistra delle missioni in Afghanistan e Iraq sono – negli interventi al Teatro Italia e nelle discussioni successive – tra i più pesanti motivi per cui non è neanche lontanamente immaginabile l’ennesimo accordo di bassa lega con la sinistra istituzionale.

Sul Sud America, le organizzazioni che hanno partecipato all’assemblea hanno una lunga storia di solidarietà con i governi bolivariani e in generale con le esperienze di sinistra di quei Paesi. L’unica organizzazione a fare eccezione su questo punto sembra essere Sinistra Anticapitalista, che ha sostenuto nell’ultimo periodo gruppi venezuelani di opposizione a Maduro.

La bicicletta

L’idea di una “lista rivoluzionaria” lanciata dalle due organizzazioni trotzkiste è in aperta polemica con il processo lanciato al Teatro Italia, che viene accusato di limitarsi a una linea “antiliberista” e riformista che non mette in discussione il vincolo esterno dell’Unione Europea. Critica ingenerosa, come abbiamo visto la discussione sul vincolo esterno esiste. Si tratta anche di una critica nuova per SCR e PCL. Basta tornare indietro al referendum inglese sulla permanenza del Regno Unito nell’UE e vedere le posizioni di allora. Entrambe le organizzazioni hanno sostenuto che la permanenza nell’UE era un falso problema e lanciavano la parola d’ordine degli stati uniti socialisti d’Europa. Per la verità, mentre SCR articolava un discorso più complesso sulle forze che hanno sostenuto la Brexit e riconosceva la natura in parte classista del voto, il PCL addossava la lotta contro l’UE e contro l’Unione Monetaria alla destra di Farage, Le Pen e Salvini.

Dalla “lista rivoluzionaria” è stato criticato anche l’accento populista dell’assemblea del 18 novembre, sostenendo, letteralmente, che siano state “le concezioni di Laclau, che enormi disastri hanno prodotto in America Latina facendo salire la classe lavoratrice sul carro dei movimenti populisti borghesi”. Una liquidazione così brutale dell’esperienza sudamericana stupisce, soprattutto da parte di SCR, che fa parte della Tendenza Marxista Internazionale che, pur con molte distinzioni e criticità, continua a essere parte attiva nel governo bolivariano del Venezuela.

Annunci

Dopo le elezioni in Grecia

Alexis Tsipras ha vinto le elezioni. Ha ottenuto quello che voleva, ora ha un gruppo parlamentare completamente fedele e disposto a seguire la strada del terzo memorandum e conferma la possibilità di formare un governo con la destra dei Greci Indipendenti senza dover nominare ministri del centrosinistra e del centrodestra.

“Con il 50% di astensione non vince nessuno”

La “vittoria” di Tsipras è arrivata al prezzo di un calo della partecipazione alle elezioni, dal 63,62% di affluenza di gennaio al 56,57% di settembre.

Prima ancora di parlare dell’austerità, se si vuole essere minimamente coerenti, non si può fare finta di niente e parlare di “grande vittoria della democrazia e della partecipazione”. Abbiamo passato anni a spiegare la truffa del maggioritario che trasforma una minoranza in una maggioranza, a spiegare che il 40% di Renzi è in realtà il 21,7% degli aventi diritto al voto. Abbiamo contestato l’idea per cui in una democrazia matura vota sempre una minoranza e che “le decisioni sono prese da chi vuole e ha la competenza per partecipare alle elezioni”. Abbiamo sempre detto che nessun cambiamento reale può avvenire senza la partecipazione e soprattutto senza recuperare le masse popolari che si rifugiano nell’astensione perché non trovano rappresentanza nel sistema politico.

Se in Grecia vota poco più che un elettore su due, non possiamo dire cose diverse di quando succede lo stesso in Italia. Il 36,34% di SYRIZA è in realtà il 22,57% degli aventi diritto al voto. Aggiungendo i Greci Indipendenti, il governo rappresenterà il 25,52% degli aventi diritto. Un quarto degli aventi diritto.

Unità Popolare

L’operazione di Unità Popolare s’è fermata sotto la soglia di sbarramento per lo 0,13%, ovvero settemila voti. Anche qui, se si contesta in Italia la soglia di sbarramento come antidemocratica, se si dice che la soglia non solo priva una fetta di cittadini della rappresentanza cui avrebbero diritto, ma spinge anche a votare obtorto collo per i partiti maggiori sotto la spinta del meccanismo antidemocratico del “voto utile”, allora non si può non dire le stesse cose per quanto riguardo la Grecia.

Detto questo, è evidente che Unità Popolare non è riuscita ad accreditarsi come legittimi rappresentante del NO vittorioso al referendum. Chiamando le elezioni anticipate con così poco preavviso Tsipras puntava a impedire alla sinistra di SYRIZA di organizzarsi in maniera efficacie. Era sotto gli occhi di tutti che la sinistra di SYRIZA non fosse un “partito nel partito” pronto a staccarsi e agire autonomamente.

L’attenzione riguardo a Unità Popolare si è concentrata sui “grandi nomi” aderenti. Certamente, il balletto di Zoe Konstantopolou che prima aderisce, poi non aderisce e poi aderisce, non ha fatto bene a Unità Popolare. Certamente, Glezos e Varoufakis che prima dicono che non possono sostenere una lista a favore dell’uscita dall’euro e poi la sostengono, rende l’idea della confusione in cui è stata costruita Unità Popolare.

L’attenzione sui grandi nomi però è sbagliata, tanto più quando si parla di un soggetto politico come Unità Popolare che punta alla lotta e al radicamento popolare. Il vero punto di attenzione dovrebbe essere su quanto Unità Popolare sia in grado di ricomporre tutto quello che è in uscita libera dal processo di disgregazione di SYRIZA. Purtroppo, fino ad ora, non abbastanza. Segnali evidenti sono arrivati durante la costruzione della lista: la coalizione di ultra-sinistra ANTARSYA ha perso alcune frange che hanno partecipato a UP ma si è presentata comunque alle elezioni ottenendo lo 0,85% dei voti, l’organizzazione giovanile di SYRIZA è uscita in blocco ma non ha aderito a UP limitandosi invece a dare indicazione di voto per “tutte le liste anti austerità”, tanti membri del Comitato Centrale di SYRIZA e/o parlamentari hanno rifiutato di candidarsi e sostenere le liste di SYRIZA senza però schierarsi con UP.

Non ho la sfera di cristallo per sapere se il generoso tentativo di Unità Popolare ha le gambe per camminare anche fuori dal parlamento.

Ciò che è sicuro è che ora nel panorama della politica greca l’unica forza politica di sinistra di opposizione all’austerità è il Partito Comunista di Grecia KKE che ha confermato la sua compattezza, prendendo esattamente lo stesso 5,5% delle elezioni di gennaio. Nelle nostre analisi tendiamo sempre a liquidarlo come “settario e ininfluente”. Se la definizione di “settario” si adatta perfettamente alla linea politica del KKE, rimane che avrà pur qualcosa da dire se resta saldo in mezzo agli scossoni che hanno invece tenuto Unità Popolare sotto il 3%.

Il governo del terzo memorandum

Alexis Tsipras ora ha il compito di guidare il governo sotto il terzo memorandum. Dopo la notte del “waterboarding mentale” ci si è dimenticati troppo presto di cosa voglia dire il terzo memorandum.

Sotto il terzo memorandum il governo greco è costretto a ripudiare le leggi fatte negli ultimi mesi che non siano compatibili con il memorandum, da questa falciata si salvano solo alcuni dei provvedimenti “umanitari”, ma neanche tutti. Sotto il terzo memorandum il commissariamento della Grecia è ancora più stretto. Uno dei punti faticosamente strappati dal governo Tsipras a febbraio era che gli ufficiali della troika non dovevano stare ad Atene a controllare ogni singolo atto, era che le trattative dovevano avvenire a Bruxelles dove il governo greco avrebbe discusso i provvedimenti dopo averli presi. Con il terzo memorandum si torna alla troika ad Atene che, per di più, controlla ogni singolo atto parlamentare prima che sia discusso. Con il terzo memorandum il governo greco deve affidare a un fondo modello-Treuhand (l’istituzione che privatizzò i beni della Germania Est in un’orgia di corruzione e inefficienza) beni pubblici per 50 miliardi di euro, una cifra esorbitante per il valore dei beni pubblici greci, raggiungibile solo mettendo sul mercato, letteralmente, le isole greche.

Tsipras si è ricandidato dicendo che lotterà per far pesare questi provvedimenti agli oligarchi, a chi non ha mai pagato le tasse. Dice che lotterà aspettando che nuovi governi di sinistra prendano il potere negli altri paesi periferici e che questo permetta di riaprire la partita a livello europeo.

È lecito dubitare che questo sia fattibile. Innanzitutto, nonostante il governo SYRIZA-ANEL sia formalmente autonomo, di fatto Tsipras ha resuscitato centrodestra e centrosinistra per coinvolgerli nella costruzione del terzo memorandum dopo il referendum. E il centrodestra e il centrosinistra greci (in parte, anche ANEL) sono esattamente i rappresentanti politici di chi non ha mai pagato le tasse e ha campato per tutta la vita facendo il parassita di uno stato inefficiente.

Ma soprattutto, è lecito dubitare che l’opzione dell’ondata di governi di sinistra sia realistica. In Irlanda, Spagna e Portogallo i numeri brutali dicono che a ora non c’è nessuna possibilità seria per nessun governo di sinistra. Forse con l’unica eccezione della Spagna in cui le vicende dell’indipendentismo catalano potrebbero dare un nuovo scossone allo scenario politico, i numeri indicano dappertutto l’affermarsi di grandi coalizioni in totale accordo con le istituzioni europee.

Infine, è lecito dubitare che “ora che ha una nuova legittimazione democratica” SYRIZA sia nelle condizioni per trattare meglio con l’Europa. Il governo Tsipras è già stato punito per aver cercato di condurre una trattativa vera nel momento di massimo consenso elettorale, abbiamo già visto come il tentativo di aprire le contraddizioni tra Germania e Francia si sia concluso con il governo socialdemocratico francese che ha insaponato la corda con cui il governo cristianodemocratico-socialdemocratico tedesco ha impiccato il governo di sinistra radicale greco. L’idea che ci siano ora le condizioni per riaprire la trattativa su punti reali (certo, magari ora invece di 50 miliardi di privatizzazione l’Europa si limiterà a 49 miliardi) assomiglia più a un pio desidero che a una possibilità data dai rapporti di forza reali.

La sinistra italiana e la Grecia

SYRIZA ha chiesto sostegno agli altri partiti del Partito della Sinistra Europea e a tutte le sinistre con una lettera significativamente firmata dal solo responsabile esteri del partito, dato che nel frattempo il segretario di era dimesso. Lettera in cui tutte le colpe sono state accollate alla minoranza interna, in pieno stile da realismo socialista.

La risposta della sinistra italiana è stata il presentat-arm!

Certamente sarebbe stato da vigliacchi voltare le spalle dopo essere andati a farsi belli ad Atene quando le prospettive sembravano rosee. Ma la reazione della sinistra italiana (dalla segreteria di Rifondazione Comunista all’ARCI passando per SEL e Civati) è stata una cosa diversa dalla solidarietà a una forza politica affine che si trova in grande difficoltà, è stata la strumentalizzazione della vicenda greca per legittimare il processo di ricomposizione di gruppi dirigenti all’interno della Costituente della Sinistra, la famosa “SYRIZA italiana” che viene lanciata ormai a scadenze stagionali da un paio d’anni.

Lo schieramento a sostegno di Tsipras è vissuto alla giornata, cercando di sfoderare trucchetti retorici nuovi (e contraddittori) per star dietro alle notizie del giorno. L’atteggiamento ondivago di alcuni personaggi come Manolis Glezos e Yanis Varoufakis ha messo a dura prova i sostenitori senza se e senza ma di Tsipras. Prima hanno esaltato i responsabili Glezos e Varoufakis che pur in disaccordo con Tsipras non partecipavano a Unità Popolare, salvo poi riesumare le accuse di minoritarismo e scissionismo quando ci si è accorti che Glezos e Varoufakis sostenevano Unità Popolare

Accuse di minoritarismo e scissionismo che curiosamente sono esattamente quelle prodotte dal PDS-DS-PD contro la sinistra radicale che ora le volge contro un pezzo di sinistra radicale greca. Accuse che, va detto, suonano a tratti imbarazzanti quando provengono da dirigenti che per anni hanno prodotto disastri elettorali e organizzativi, dirigenti che hanno prodotto lotte di corrente all’ultimo sangue mentre non si accorgevano che le liste non prendevano voti e le organizzazioni perdevano militanti.

Aldilà del pulpito da cui viene la predica, la verità è che la retorica assunta nel sostegno alla “nuova SYRIZA” è pericolosa, su almeno due punti.

Il primo punto è che se un anno fa sembrava data per assunta l’impossibilità di governare da sinistra l’austerità, ora questa possibilità “rientra dalla finestra” dopo essere stata buttata fuori dalla porta. Quando si dice che anche dentro al pesantissimo programma di austerità imposto alla Grecia si possono trovare spazi per politiche redistributive di sinistra cosa si sta facendo se non riaprire alla possibilità di una nuova alleanza col centrosinistra (possibilità che di fatto viene proclamata come unico orizzonte da Vendola e Civati…)?
Certo, per una parte dei partecipanti al progetto di “Costituente della Sinistra” si tratta di una contorsione retorica e tattica. In altre parole, un giro di parole per giustificare il prolungato sostegno a Tsipras. Ma così facendo si fa mostra di avere una retorica vuota. Retorica vuota che si manifesta anche nelle chiacchere sull’Europa. Sia L’Altra Europa sia la segreteria di Rifondazione Comunista hanno detto che, pur nella sconfitta, il terzo memorandum ha il pregio di dimostrare l’irriformabilità dell’Europa. Anche questo appare però come retorica vuota nel momento in cui non si trae nessuna conseguenza. Se l’Europa non è riformabile, vuole dire che bisogna come minimo cambiare completamente l’approccio alle questioni europee. E invece sia L’Altra Europa sia la segreteria di Rifondazione Comunista persistono a riproporre esattamente le stesse proposte politiche di quando si considerava in qualche maniera la riformabilità dell’Europa. La proposta continua a essere la costruzione della “sinistra di governo” fino a quando non ci sarà una coalizione di governi anti-austerità in grado di riformare l’Europa.

Il secondo punto è quello della democrazia interna. Tsipras ha deciso di sgretolare SYRIZA pur di portare avanti la linea che crede giusta. Non si tratta solo dello scontro con la minoranza di sinistra organizzata, Tsipras è andato alla rottura con il segretario del partito, con la maggioranza del Comitato Centrale, con l’organizzazione giovanile del partito, con la corrente sindacale del partito, con le federazioni e le sezioni territoriali.

Personalmente cerco di restare nel quadro di una cultura politica per cui all’interno di un’organizzazione che vuole rimanere unita si deve perseguire la sintesi tra le posizioni: massima democrazia nella discussione, massima unità nell’azione. Poi nella realtà spesso si arretra sul “principio di maggioranza”, tutti fanno quello che decide la maggioranza fatta salva la possibilità per la minoranza di rendere nota la propria posizione. Questo “principio di maggioranza” è quello che è stato rispettato dalla minoranza di SYRIZA durante gli ultimi due anni, inclusa l’azione di governo. Tsipras con la mossa delle elezioni non ha solo rifiutato il principio della sintesi, ha rifiutato il principio di maggioranza andando a elezioni in cui si sarebbe comunque tolta qualunque agibilità alla minoranza.

È questo il tipo di democrazia interna cui allude la Costituente della Sinistra? Una democrazia interna in cui chi non è d’accordo è fuori? Una democrazia interna in cui il gruppo dirigente dell’organizzazione è totalmente autonomo dal resto dell’organizzazione? Una democrazia interna in cui determinate posizioni “euro scettiche” sono messe al bando?

Non si tratta di una questione marginale. Io la vivo dall’interno del PRC, dove sono e dove resto. Come può il PRC partecipare a una costituente che proclama il principio democratico di “una testa un voto”, ma poi, di fatto, legittima il principio leaderista per cui decide tutto la singola persona o un ristrettissimo gruppo dirigente? L’ipotesi che la “SYRIZA italiana” assuma questa modalità è molto più che un’ipotesi, l’abbiamo vista in azione quando sono state formate le liste de L’Altra Europa, liste formate dai sei “garanti” senza nessun tipo di controllo democratico ma con l’approvazione personale di Alexis Tsipras. All’epoca abbiamo dovuto ingoiare il boccone amaro per l’impellenza delle elezioni. Oggi?

Ma si tratta di qualcosa che investe tutta la sinistra che potrebbe essere interessata a una ricomposizione. La questione europea, la questione dell’Unione Monetaria Europea investe trasversalmente tutti i settori della sinistra politica, sindacale e di movimento. In tutti i settori si possono trovare compagni che sono fedeli all’idea degli Stati Uniti d’Europa in maniera religiosa, compagni traghettati ormai a posizioni anti europeiste e un grande spettro di posizioni confuse, dinamiche, in movimento. A questo si risponde dicendo che la linea è “dentro l’euro, a costo di gestire noi l’austerità”?

Ovviamente, questo apre a una domanda ancora più grande: perché facciamo la ricomposizione della sinistra? Si tratta di un obiettivo strategico in sé cui bisogna sacrificare tutte le possibili dissidenze? O si tratta di un mezzo per raggiungere degli scopi?

Grecia: rottura o compromesso

Articolo per il Collettivo Stella Rossa:

Decifrare la trattativa tra l’Unione Europea e il governo di Alexis Tsipras è sempre più difficile. I round di trattativa falliscono uno dopo l’altro e il 30 giugno scadono il “programma di salvataggio”e un ingente prestito del FMI. Nel frattempo la società greca torna a mobilitarsi.

 

[…]

Non possiamo sapere ora se questa vicenda si concluderà con l’accordo o con la rottura. Quello che sappiamo è che tutte le possibilità sono sul tavolo, anche quelle che fino a poco tempo fa venivano pubblicamente escluse perché “anti europeiste”.

La solidarietà con l’unico governo europeo che prova a sfidare il dominio dell’Europa capitalista e anti democratica è obbligatoria. Altrettanto obbligatoria dovrebbe essere l’onestà intellettuale, senza nascondere sotto il tappeto le enormi contraddizioni e difficoltà. Per sostenere la solidarietà col popolo greco serve consapevolezza. Le illusioni, invece, finiscono sempre per produrre delusioni e, di conseguenza, disimpegno.

Per leggere tutto clicca qui
Uno finisce di scrivere a mezzogiorno e alle 6 di sera è già successo di tutto. Tsipras ha proposto a Merkel e Hollande di trovare un accordo a livello di capi di stato, non a livello tecnico. Merkel e Hollande hanno rifiutato (grande, compagno Hollande, sei sempre il migliore). I creditori hanno proposto di estendere il bailout di altri 4 mesi con qualche cambiamento (sostanzialmente la stessa cosa fatta a febbraio) e i greci hanno rifiutato.
In tutto questo bisognerebbe veramente evitare di gridare ogni mezz’ora al tradimento definitivo o alla vittoria finale. Non per altro, ci si fa un po’ la figura dei pirla.

Grecia: un accordo a cui non crede nessuno

Traduzione del pezzo di Paul Mason sull’accordo di lunedì 22 tra Grecia e Eurogruppo. 

L’accordo che la Grecia vuole firmare con Bruxelles ha tre parti: bilancio, debito e investimenti pubblici. Nella frenesia delle trattative dell’ultimo minuto, condotte sotto la minaccia di una fuga dalla banche e del controllo dei capitali, i media sono stati ossessionati solo dal bilancio.

Manifestazione filo-europea ad Atene. Via.

Manifestazione filo-europea ad Atene. Via.

Il quotidiano greco Kathimerini ha pubblicato la proposta greca integrale di bilancio per il 2015-2017, preparato dai negoziatori di Syriza con l’obiettivo di raggiungere i surplus di bilancio imposto dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) e della Banca Centrale Europa (BCE). Uno dei ministri che ha presentato la proposta me l’ha descritta come “terribile”.

Per evitare altri tagli ai servizi e alle pensioni Syriza si prepara a colpire il mondo degli affari, i consumatori e i lavoratori dipendenti con un misto di tasse più alte e contributi più alti sulle pensioni. Inoltre porterà l’età pensionabile a 67 anni nei prossimi 10 anni, limitando pesantemente gli incentivi al pre pensionamento.

La proposta soddisfa le principali richieste dei creditori, nonostante questo si sta ancora contrattando sulla precisa struttura dell’IVA, sulle pensioni e sulla “riforma del mercato dei prodotti”, che è la maniera in cui l’FMI chiama la sua ossessione per le farmacie e le panetterie.

La proposta ha provocato la rabbia dei conservatori greci che fino a pochi giorni fa chiedevano un accordo, l’indignazione degli elettori di Syriza più di sinistra e la manifestazione di 5000 pensionati comunisti. Ma il problema è più grande.

Tutto ciò che abbiamo visto finora suggerisce che non funzionerà.

I creditori, come mi ha detto uno degli esperti partecipanti alle trattative, “non fanno macroeconomia”. I modelli usati nelle negoziazioni dall’Unione Europea dice che se imponi 8 miliardi di euro di tasse in più a un’economia in recessione, questa si ristringerà al massimo di 8 miliardi di euro, ma potrebbe anche crescere.

L’esperienza dell’austerità greca (e questo progetto di bilancio è semplicemente austerità di sinistra), dimostra però che bisogna considerare gli “effetti moltiplicatori”. Il FMI ha già ammesso che il suo modello è sbagliato e che l’effetto negativo del taglio di un euro potrebbe non essere mezzo euro, più probabilmente sarebbe un euro e mezzo.

La ragione per cui il FMI e l’UE stanno provando a tenere duro su questioni come l’IVA e le panetterie è che sospettano che un passaggio da duri tagli di spesa e un duro aumento redistributivo delle tasse avrà lo stesso risultato generale: l’economia calerà e il debito sarà più alto.

Ma un programma redistributivo è tutto ciò che Syriza può dare ai suoi elettori. I greci sapevano, quando facevano la proposta, che ci sarebbe bisogno di decine di miliardi di ristrutturazione del debito e decine di miliardi di fondi strutturali dall’UE per attutire il colpo.

Ma I creditori stanno resistendo. Quando si tratta del debito, come mi ha detto uno dei partecipanti alle trattative, i creditori “sono in guerra l’uno con l’altro”. Il FMI vuole cancellare dei debiti, la BCE no.

La proposta discussa è di trasferire 27 miliardi di debito greco nei confronti della BCE a un programma chiamato ESM in cui le scadenze sono tra svariati decenni e i tassi di interesse bassi.

Da quello che so, senza un chiaro impegno sul taglio del debito, i greci non possono firmare l’accordo. Alla stessa maniera, sono determinati ad ottenere dalla Commissione Europea un accordo per sbloccare i fondi strutturali per lo sviluppo.

Sono arrivati a Bruxelles preparati a fare un accordo sul bilancio e sul debito, ma pronti ad andarsene innescando un Armageddon finanziario se non dovessero ottenere nulla.

Non è petulanza. Sanno che senza un chiaro cambiamento sul debito e sui fondi strutturali, il programma sulla tassazione non funziona e in ogni caso non riuscirebbero a farlo approvare a Syriza.

La pressione degli elettori di Syriza è forte, ma variabile. I pensionati e il Partito Comunista protesterebbero in maniera forte sulle pensioni e la privatizzazione dei porti.

Ma le giovani generazioni radicalizzate sono più concentrate sulle questioni sociali: vogliono stipendi più alti, lavori più sicuri, il diritto alle unioni civili e la cittadinanza agli immigrati di seconda generazione. Vogliono la polizia epurata dai fascisti e lo stato epurato dai corrotti. Sono anche assuefatti all’idea della imprenditoria start-up, al lavoro autonomo e all’arrangiarsi con vari lavori, non necessariamente in regola.

Credono che l’unico partito che possa portare avanti questo programma di pulizia e modernizzazione sia Syriza.

La reazione della vecchia generazione, dentro e fuori Syriza, sarebbe di andare al default e lottare. La reazione dei più giovani (non importa quanto odino il FMI e la BCE) potrebbe essere di accettare le tasse alte e le scuse dei dirigenti di Syriza e spingerli a fare almeno la rivoluzione sociale minore che hanno promesso. Mandare in galera politici e affaristi corrotti, dopo tutto, non costa niente.

Ma tutto questo è accademia se Yanis Varoufakis non torna da Bruxelles con un accordo che sia accettabile, accettabile anche per se stesso. E senza un taglio del debito, è impossibile fare un accordo accettabile.

Galbraith, la Grecia e la malafede dell’Europa

Oggi parrebbe essere il giorno decisivo per la Grecia (l’ennesimo giorno decisivo, a meno che non diventi decisivo il meeting di sabato…). Fatto sta che la fine di giugno si avvicina e con essa il default sui debiti verso il Fondo Monetario Internazionale, mentre il ritiro di capitali si intensifica e la borghesia greca alza il tiro al grido di “no alla stalinismo in Grecia”.
Nell’attesa di sapere cosa accadrà, una traduzione dell’intervento del noto economista critico James K. Galbraith, apparso originariamente su American Prospect, sulla malafede dell’Europa. Perchè a essere cattivi non sono solo i tedeschi.

Malafede. Perchè un reale taglio del debito greco non è tra le possibilità

I lettori della stampa finanziaria possono essere scusate se pensano che nelle trattative tra Grecia e Europa ci sia un partner inaffidabile, il nuovo governo greco, e un partner responsabile, il fronte comune dei maggiori governi e delle istituzioni dei creditori, intenzionato a perseguire politiche razionali e l’interesse comune europeo.

Il punto di vista di Atene è diverso. L’11 giugno ho assistito a una seduta della commissione parlamentare d’inchiesta sul debito greco con la deposizione di Philippe Legrain, già consigliere dell’allora presidente dell’UE José Manuel Barroso. Legrain è un tecnocrate, un economista e una persona molto riservata. Parlò in maniera tranquilla.

Secondo Lagrein il peccato originale nella faccenda greca è stato commesso nel maggio 2010, quando fu chiaro che il paese era insolvente. All’epoca i funzionari del FMI era convinti che il debito greco dovesse essere ristrutturato e che il taglio non fosse solo necessario ma anche giusto, dato che debitori inaffidabili sono sempre accoppiato a creditori inaffidabili e che i creditori sono parzialmente compensato per il rischio della perdita.

La ristrutturazione non c’è stata. Invece un trio di francesi – al FMI, alla BCE e all’Eliseo, sostenuti da Angela Merkel – decisero di far finta che il problema greco fosse temporaneo e che ci fosse una crisi finanziaria più larga da affrontare e che il più grosso salvataggio della storia non dovesse mirato a salvare la Grecia ma a ridurre l’esposizione delle banche francesi e tedesche verso gli altri stati europei, con la quota maggiore indirizzati ai contribuenti tedeschi.

Perchè il FMI c’è stato, facendo il più grosso prestito della sua storia (32 volte la quota della Grecia) contro i dubbi dei suoi funzionari e le obiezioni di molto membri non europei? Perchè l’allora Managing Director, Dominique Strauss-Kahn, voleva diventare il Presidente della Francia.

Nello stesso momento, la Banca Centrale Europa di Jean-Claude Trichet comprava titoli greci per circa 27 miliardi, alzandone il prezzo. Perchè? Per sostenere i creditori originali, in larga parte banche francesi.

Facendo questo i poteri europei evitarono di imporre perdite alle grandi banche. Con le sue azioni Trichet bloccò la BCE nel rifiuto di accettare perdite sui titoli greci e aggirà, per non dire che ruppe, il mandato legale della BCE.

Uno dei principi di base della finanza è: non si fanno nuovi prestiti a chi è in bancarotta. Di fronte all’insolvenza, si deve ristrutturare il debito. I funzionari del FMI e i membri del board che lo sapevano furono scavalcati. I leader europei si unirono in una grande menzogna: fare finta che il debito greco fosse sostenibile. Nel 2010 i rappresentanti all’FMI di Francia, Germania e Olanda promisero (sulla base della finzione) che le loro banche avrebbero mantenuto i loro debiti greci. Nei fatti, vendettero tutto quello che poterono

Nel 2010 il governo greco avrebbe potuto ristrutturare il suo debito, secondo la legge greca, ma non lo fece. Quando la ristrutturazione avvenne nel 2012, fu secondi i termini dei creditori, cioè con la perdita del 60% del valore dei fondi pensione greci e questo è uno dei principali motivi per cui le pensioni greche sono messe così male oggi.

Nel 2010 la Grecia dovette ingoiare un programma di austerità che sarebbe stato – come promesso da Poul Thomson del board del FMI – “duro, difficile e doloroso”. Anche se il programma conteneva un “aggiustamento fiscale” senza precedenti pari al 16% del PIL, prevedeva anche che la Grecia avrebbe avuto una caduta del PIL di solo il 5%, seguito da una ripresa dall’inizio del 2013. Nel frattempo il rapporto debito/PIL sarebbe dovuto salire 150% nel 2013 per poi scendere. Nei fatti, la diminuzione del PIL greco fu 5 volte più grande e il rapporto debito/PIL è oggi al 180%. E non c’è stata nessuna ripresa.

Venne poi chiesto a Legrain venne chiesta un’opinione sugli economisti che fecero queste previsioni e sugli ufficiali che le diffusero. Su questo punto la testimonianza fu incerta. Fu incompetenza? Panico? Ideologia? Il testimone non lo sapeva. Forse, suggerì, qualcuno di loro “nella loro stupidità” pensò che avrebbe funzionato. In ogni caso “nessuno ha pagato per i propri errori”.

Il signor Thomson continua a prender le decisioni all’FMI che – anche se ora sostiene la necessità di un taglio del debito – continua a chiedere lo stesso insieme di tagli deflazionari che viene ufficialmente chiamato come “riforme”. Tra questi ci sono riduzioni selvagge delle pensioni minime, che arriverebbero a ridurre di un terzo dei pagamenti che sono già di soli 12 euro al giorno.

Nel frattempo, secondo un report della Franfurter Allgemeine Zeitung del 14 giugno, la Commissione Europea si prepara ad alleggerire le richieste di tagli alle pensioni in cambio di tagli alla spesa militare greca? Chi ha affossato questo accordo? Secondo la FAZ, l’FMI. Se all’FMI pensano che sarebbe più far pressione sul governo greco per mettere alla fame il suo popoli, non hanno proprio prestato attenzione. O, più probabilmente, data la chiara divisione e lo scompiglio tra i creditori, il FMI ha deciso che non vuole un accordo e che quindi altre trattative sono inutili.

Mentre il FMI insiste che la Grecia deve soddisfare ogni condizione posta, le cose sono diverse andando verso nord e verso est. Per l’Ucraine, secondo un’affermazione del 12 giugno della signora Lagarde  riportata da ZeroHedege, il FMI “potrebbe prestare all’Ucraina anche se l’Ucraina non può ripagare i propri debiti. Tanti saluti alla sostenibilità del debito e per il principio base per cui non si concedono nuovo prestiti a chi è già in bancarotta.

I lettori americani sono abituati a vedere la Germania, i tedeschi e la cancelliera Angela Merkele e il ministro delle finanze Wolfgang Schäuble come i cattivi di questa storia, ma questo è una sottostima del ruolo giocato in penombra dai Rasputin di Parigi. E anche di quello dello Svengali di Francoforte, Mario Draghi, che nel momento in cui scrivo minaccia il sistema bancario greco. Minacce che, nei prossimi giorni, potrebbero provocare proprio ciò che Draghi promise di evitare a qualunque costo. [Cioè, la fine dell’Euro]

 

 

GUE/NGL: il compromesso sul TTIP ignora le preoccupazioni dei cittadini

Il gruppo dei socialdemocratici al Parlamento Europeo sta sbandierando il compromesso raggiunto in commissione commercio come un grande passo avanti. Ovviamente gli europarlamentari del PD hanno cominciato a far girare questa voce di propaganda negli ambienti del movimento STOP TTIP, dopo averlo ignorato per mesi.
Il GUE/NGL, il gruppo della Sinistra Unitaria Europea/Sinistra Verde Nordica che raccoglie le sinistre radicali di vari paesi europei, tra cui gli eletti della lista italiana L’Altra Europa e quelli di SYRIZA, ha votato contro il compromesso. Questo è il comunicato pubblicato sul sito del GUE:

I sostenitori dell’accordo commerciale ad ampio spettro (TTIP) tra Unione Europea e USA hanno ottenuto una larga maggioranza nel voto odierno alla commissione commercio del Parlamento Europeo su una risoluzione sulle richieste del Parlamento sui negoziati in corso.

Helmuto Scholz [Die Linke, Germania], relatore per il gruppo parlamentare GUE/NGL ha criticato questo risultato: “Il compromesso tra il relatore Lange (gruppo S&D [socialdemocratici, il gruppo del PD] e i gruppi conservatori e liberali ignora deliberatamente le profonde preoccupazioni espresse nel dibattito pubblico in molto paesi membri dell’UE a proposito della creazione di un mercato comune transatlantico.”

Ha aggiunto: “La grande maggioranza delle persone al di fuori della stanza del Comitato rifiuta il meccanismo di risoluzione delle dispute tra investitori e stati (ISDS), ma questo europarlamentari che ne sono favorevoli pensano di saperla più lunga. A mio parere, è arrogante che gli emendamenti tratti dalle opinioni di 5 altre commissioni, incluse quelle degli affari legali e degli affari costituzionali, che hanno chiesto di opporsi all’ISDS, siano stati completamente ignorati, tanto quanto 1 milione e 900mila cittadini europei che hanno già firmato una petizione contro l’ISDS.”

La commissione commercio ha anche respinto le richieste di prevenire la formazione di un “consiglio di cooperazione regolatoria” nel TTIP.

L’eurodeputata olandese Anne-Marie Mineur [Socialistische Partij] ha commentato: “E’ scandaloso vedere come alcuni gruppi politici siano disposti a rinunciare al controllo parlamentare sulle future leggi europee e degli stati membri. Questi europarlamentari, sostenendo il riconoscimento reciproco di differenti standard in Unione Europea e negli USA e alla procedura di sorveglianza per ogni legge che riguardi il commercio e gli investimenti, si dispongo a rinunciare alla democrazia parlamentare per la loro fede quasi religiosa nei benefici promessi del libero scambio.”

L’europarlamentare italiana Eleonora Forenza [L’Altra Europa – Rifondazione Comunista] ha spiegato: “Il TTIP non creerà posti di lavoro, è più probabile che ne brucerà un milione in tutta l’Unione Europa a causa dell’aumentata concorrenza. Questo è il risultato che esce da diversi studi sugli effeti [del TTIP] ed è stato confermato dal capo economista della Direzione Generale del commercio. In ogni caso, ogni nostra proposta, anche solo di nominare questi dati, è stata respinta al voto.”

Altra questione respinta al voto sono state la richiesta di un approccio di “lista positiva” alla salvaguardia di servizi pubblici e altri servizi importanti dagli impegni di liberalizzazioni, come richiesto dalla commissione delle regioni e da molte altre commissioni del Parlamento Europeo.

Rimetteremo in discussione degli emendamenti cruciali al voto in plenaria il 10 giugno, speriamo sinceramente che la maggioranza del parlamento voti diversamente dalla maggioranza della commissione commerci.” ha concluso Helmut Scholz. “Gli europarlamentari dovrebbero ascoltare i loro popoli nei loro collegi di elezione.”

Due note
L’ISDS è una delle parti più contestate dell’accordo. Sostanzialmente sarebbe un meccanismo per cui gli investitori (cioè, i capitalisti) potrebbero citare in giudizio gli stati che facciano delle leggi nocive per i loro affari. Per di più, è un meccanismo che non passa attraverso i tribunali degli stati ma attraverso dei tribunali privati. L’esempio classico è quello dei grandi produttori di sigarette che potrebbero portare in giudizio gli stati per la legislazione anti-fumo

L’approccio di “lista positiva” significa che si nominano esplicitamente i servizi esclusi dalla liberalizzazione.

Per firmare l’appello della campagna STOP TTIP clicca qui

Flassbeck e Lapavitsas: Against the Troika

Il libro di Flassbeck e Lapavitsas esplora le possibilità di un governo di sinistra alla guida di un paese dell’Eurozona e le possibilità di un governo di sinistra nell’uscita dall’Eurozona. Scritto prima della vittoria elettorale di Tsipras, è interessante leggerlo alla luce dei primi mesi del governo di sinistra ad Atene, mentre il “piano B” comincia a essere discusso.

Against_the_Troika-max_221-6b91e23baf0c5205ff22a1b461656abf

Heiner Flassbeck e Costas Lapavitsas – Against the Troika: crisi and austerity in the Eurozone – Versobooks – 144 pp – 14 euro/3 euro digitale

 

Flassbeck e Lapavitsas, insieme, non fanno esattamente l’immagine del no-euro come ce lo si immagina in Italia. Il libro Against the Troika: crisi and austerity in the Eurozone è difficilmente accusabile di populismo grillino o leghista, presenta un’argomentazione economica solida, ovviamente altri economisti pro-euro avranno argomenti per ribattere, ma si viaggia lontani dai terreni tipo “fuori dall’euro c’è il Paradiso Terreste, perché si”. È anche un libro europeista, l’argomento più emozionale è che l’attuale assetto sta disgregando l’Unione Europea ed è meglio fare ora un passo indietro per poter tornare in futuro a costruire un’Unione vera, d’altronde Flassbeck era consigliere di Lafontaine quando quest’ultimo era ministro delle finanze della Germania e costruiva materialmente l’Unione Monetaria Europea. Infine, è un libro internazionalista, sfidando così il luogo comune che vuole ogni messa in discussione dell’euro un cedimento alla nostalgia reazionaria delle piccole patrie; è scritto da un greco e da un tedesco e presenta testi aggiuntivi del giornalista inglese Paul Mason, del leader della Linke Oskar Lafontaine e del leader di Izquierda Unida Alberto Garzon.

L’Unione fallita

L’argomentazione principale di Against the Troika era già stata esposta dagli autori in un’analisi pubblicata sul sito della Fondazione Rosa Luxemburg, e viene esposta nel libro in maniera appena appena più discorsiva. Senza pretendere di farle giustizia, si può riassumere così: per Flassbeck e Lapavitsas l’idea della cooperazione monetaria non è sbagliata in sé, anzi, è necessaria e al di fuori di qualsiasi forma di cooperazione monetaria sarebbe impossibile per un governo progressista garantire che i propositi progressisti non vengano spazzati via dalla prima turbolenza internazionale (Capitolo 2.1). Il problema dell’Unione Monetaria Europea è però che è stata basata sui pregiudizi ideologici monetaristi della Banca Centrale Europea per cui l’unico metodo per governare l’inflazione sarebbe solo e soltanto la leva monetaria (Cap 2.2) escludendo così il governo di salari e profitti e quindi la possibilità di attuare una convergenza tra i vari paesi europei in una crescita coordinata dei salari e della produttività del lavoro (Cap 2.3-5). A questo si aggiunge che la BCE è venuta meno ai propri compiti di sorveglianza sulla Germania, essendo quest’ultima colpevole di aver tenuto la propria inflazione (e quindi i salari) più bassa dell’obiettivo comune europeo, un’infrazione che per gli autori è ben più grave della mancanza di rigore dei paesi periferici, che sono invece stati vigilati duramente dalla BCE (Cap 3)

Fuori dall’euro?

Per gli autori un qualunque governo di sinistra nei paesi della periferia (discorso diverso per i paesi semi-periferici, cioè Italia e Francia) si troverebbe di fronte a una “triade impossibile”, tre cose impossibili da sostenere contemporaneamente: la ristrutturazione del debito, l’uscita dall’austerità e la permanenza nell’Unione Monetaria Europea; le regole di quest’ultima sono fatte in modo che lo stato non possa effettuare gli interventi economici (per esempio, intervenire sul sistema bancario per affrontare le perdite dei privati in merito alla ristrutturazione del debito) necessari ai primi due punti (Cap 7.2).

Non è difficile leggere in questo una facile previsione di quello che è successo in questi mesi di governo Tsipras, non a caso Costas Lapavitsas (ora anche parlamentare) è l’economista di riferimento della Piattaforma di Sinistra, l’area di SYRIZA che giudicava irrealistica l’ipotesi dell’accordo onorevole già da prima delle elezioni . Quali sono quindi le alternative? Il libro affronta due possibili scenari di uscita, uno consensuale (cap 7.3) in cui l’Europa per evitare ulteriori conflitti negozia l’uscita e fornisce anche della liquidità per il tempo necessario ad Atene a sistemare la nuova emissione di moneta, uno conflittuale (cap 8) in cui ci sarebbe molto meno tempo. Il libro non nasconde certo i problemi dell’uscita, ma apre anche alla possibilità che un’uscita dall’Eurozona di un paese periferico potrebbe essere usata per tornare a sfruttare la manodopera ora disoccupata a fini di consumo interno e usare il disavanzo verso l’estero, ironicamente causato dall’austerità, per rifornirsi sul mercato internazionale dei beni difficili da produrre all’interno come medicinali e carburante. Un ritorno a un impiego così massiccio della manodopera potrebbe portare, soprattutto, a un mutamento dei rapporti sociali e alla possibilità di riaprire l’idea di un cambiamento reale della società a lungo termine. Per fare tutto questo, sia “consensualmente” sia “conflittualmente”, sono però necessarie delle premesse, desumibili dalla crisi cipriota: a) recupero delle capacità tecniche di battere moneta; b) doppia circolazione monetaria già in atto; c) controllo dei movimenti dei capitali. Per fare questo sono necessarie competenze tecniche che i tecnici cresciuti nell’era dell’euro non hanno, quindi è necessario richiamare in servizio tecnici dell’epoca della dracma e importarne da paesi esteri che detengono il know-how (leggasi, dalla Russia).

Ma, e qui sta per la mia lettura l’importanza del libro, un’eventuale Grexit non è solo questione di possibilità economiche e tecniche, non è una medaglietta da appuntarsi al petto durante una disquisizione accademica. Non è, per dirla con Mao, un pranzo di gala. È un fatto politico. Per gli autori i tre punti “tecnici-preliminari” servono anche e soprattutto a mobilitare l’opinione pubblica, alla battaglia politica, a preparare all’idea che l’uscita, specie quella conflittuale, deve essere affrontata in maniera determinata, sapendo per quanto possibile a cosa si va incontro.

E qui sorge un problema grosso: la linea elettorale di SYRIZA non è stata quella di preparare l’opinione pubblica all’uscita dall’euro, anzi, è stata quella di insistere, insistere, insistere sul compromesso onorevole coi creditori, tanto da negare la stessa esistenza di un “piano B”. E SYRIZA aveva le sue ragioni per farlo. Per Stathis Kouvelakis:” credo che l’egemonia ideologica della classe dominante in Grecia sia stata basata sul progetto europeo, sull’idea che aderendo al processo d’integrazione la Grecia sarebbe diventata un paese moderno, un “paese europeo sviluppato”, e sarebbe definitivamente e irreversibilmente entrata nel club delle società europee occidentali più sviluppate e avanzate. Io credo che sia una specie di fantasia di longue durée della Grecia come nazione indipendente: diventare una parte accettata dell’Europa occidentale. Nel primo decennio dopo l’entrata dell’euro è sembrato che questa fantasia fosse diventata realtà.” L’Unione Monetaria Europea (termine col quale sarebbe bene cominciare a riferirsi all’euro, per evitare di cadere nella trappola per cui si identifica la moneta unica con l’idea di Europa a qualunque livello) è stata e rimane per molti greci (specie della “classe media” che si è rivolta a SYRIZA dopo il fallimento delle grandi coalizioni) una forza simbolica-politica enorme, uscirne prima che una questione di fattibilità economica è questione di rinunciare al sogno di diventare tutti come la Germania. Ma è un sogno che forse sta cominciando a declinare. Per quanto possano valere i sondaggi, la maggioranza dei greci è ancora favorevole a rimanere nell’Eurozona, ma quando si chiede se è a tutti i costi, l’opinione pubblica si divide a metà. Sapendo che questo non verrà comunque deciso dal popolo greco, la questione diventa: SYRIZA sarebbe capace di organizzare il sostegno popolare nel caso dovesse trarre il dado e uscire dall’euro? O verrebbe piuttosto travolta, trovandosi il doppio danno di avere la Grexit gestita dalle destre?

SYRIZA, dopo aver mantenuto la barra sulla linea ufficiale per mesi, si sta muovendo su questo fronte. Il giornalista Paul Mason sostiene, da febbraio, che ci sia un’ondata di radicalizzazione dentro SYRIZA, anche tra chi non appartiene alle correnti radicali organizzate nella Piattaforma di Sinistra. Ora è anche la presidente del parlamento Zoe Konstantopoulou a prendere posizioni radicali sul debito che potrebbero portare alla rottura, mentre le posizioni di Lapavitsas vengono discusse apertamente su AVGI, l’organo ufficiale di SYRIZA.

La questione dell’uscita dall’euro viene, in Italia, usata come un derby tra tifoserie opposte che commentano le varie opzioni proposte dagli economisti, spesso senza capirle fino in fondo (piccola nota a margine: quanti hanno capito che Bagnai sostanzialmente propone lo “spirito del 1992-1993”?). Ma il punto non è solo studiare ciò che dicono i modelli economici, il punto è capire che  euro o exit sono opzioni che devono vivere dentro società particolari. Se non si capisce che la Grexit (o la proposta di uscita dell’Italia, o di qualunque paese) è un fatto politico e non tecnico, si può continuare a illudersi di essere quelli più di sinistra, quelli più anti imperialisti, quelli più rivoluzionari, ma ci si sta solo baloccando con delle ricette per l’osteria dell’avvenire.