Gros Koalition anche per l’Islanda: però è euroscettica


Gros Koalition anche per l’Islanda: però è euroscettica

Pubblicato su La Città Futura

La sinistra rosso-verde assume la guida del governo, e rompe coi suoi giovani.

A Berlino Angela Merkel contratta l’ennesima Gros Koalition tra cristiano-democratici e social democratici per continuare a gestire l’Unione Europea dell’austerità. Fuori dai confini dell’Unione, in Islanda, sembra il mondo al contrario: la sinistra euroscettica assume la guida di una grande coalizione di partiti anti europeisti.

Le elezioni

Dalla crisi finanziaria di dieci anni fa, l’Islanda non ha mai recuperato stabilità politica. Le elezioni del 2016 erano a loro volta elezioni anticipate innescate dallo scandalo dei Panama Papers. Questa volta la miccia è stato il tentativo di coprire uno scandalo sessuale che ha coinvolto amici della famiglia del primo ministro Benediktsson.

I tre partiti del governo uscente – tutti di area liberale – sono stati puniti dagli elettori. Il Partito dell’Indipendenza è sceso dal 29% al 25,2%, Rinascita dal 10,5% al 6,7%, Futuro Luminoso dal 7,2% all’1,2%.

Tra i partiti dell’opposizione, calano gli agrari del Partito del Progresso (dall’11,5% al 10,7%) e perde molte posizioni il Partito Pirata (dal 14,5% al 9,2%). Il nuovo Partito di Centro – formazione populista e conservatrice – ottiene un notevole 10,9%. L’Alleanza Socialdemocratica si risolleva un poco dopo il crollo verticale dell’anno scorso, passando dal 5,7% al 12,1%. Infine, la Sinistra – Movimento Verde sale dal 15,9% al 16,9%, un risultato comunque molto al di sotto delle aspettative suscitate dai sondaggi che davano la formazione rosso-verde ben oltre il 20%. È in effetti probabile che la mancata crescita dei rosso-verdi corrisponda alla ripresa dei socialdemocratici.

Il governo

A guidare il nuovo governo è la leader della Sinistra rosso-verde Katrín Jakobsdóttir, che ha ottenuto la guida della coalizione dopo il fallimento delle trattative guidate da Benediktsson, il quale a sua volta conserva la posizione chiave di Ministro delle Finanze. La “Gros Koalition” anti europeista è quindi formata dalla Sinistra, dal Partito del Progresso e dal Partito dell’Indipendenza. Oltre il Primo Ministro e la presidenza del Parlamento, la Sinistra ottiene anche il ministero dell’ambiente e la delega alla salute all’interno del ministero dello stato sociale.

Il Presidente della Confederazione del Lavoro Islandese Gylfi Arnbjörnsson si è espresso contro

Gli obiettivi dichiarati del nuovo governo sono la stabilità dell’economia, la riforma del sistema penale e un impegno sui temi ambientali che vada più a fondo di quanto previsto dagli Accordi di Parigi. Con tre formazioni euroscettiche al governo, e con l’indebolimento delle posizioni europeiste anche tra i partiti di opposizione, è molto improbabile che questo governo riapra le trattative per l’ingresso nell’Unione Europea.

La nascita del governo Jakobsdóttir non è stata indolore. Due deputati della Sinistra – Movimento Verde hanno votato contro la fiducia e la giovanile del partito si è schierata contro l’accordo di governo. Non è ancora chiaro se questo porterà a una scissione. Di fatto, il governo dispone di una maggioranza di 33 seggi su 63 ed è quindi molto probabile che la politica islandese rimanga instabile e che la legislatura si concluda con ulteriori elezioni anticipate.

https://www.lacittafutura.it/esteri/gros-koalition-anche-per-l-islanda-pero-e-euroscettica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...