Cumberbatch è il Dottore, Dottore Strange


Molte recensioni di Doctor Strange hanno sottolineato dei punti innegabili: la somiglianza – eccessiva – con la trama del primo Iron Man, l’adesione senza molta originalità al canone dei film Marvel, la prova maiuscola di Cumberbatch, alcune ottime scene lisergiche e un finale brillante. Sommando le parti, un film a tratti anche di molto intrattenimemto, ma di poca sostanza.

Secondo me si possono sottolineare altri punti. (Qua e là, qualche spoiler)

  1. Per quanto Doctor Strange segua lo stesso canovaccio del “genio arrogante che si apre alle ragioni degli altri” già presente in Iron Man, c’è una differenza fondamentale. In Iron Man, Tony Stark scopriva che le sue armi causavano guerra e sofferenza. Era il 2008, Bush jr. era ancora presidente degli USA, paradossalmente (neanche  troppo), un cine fumetto con protagonista un miliardario conteneva una certa dose di critica sociale. 8 anni dopo, 8 anni di presidenza Obama dopo, Doctor Strange non contiene nulla di simile. Quello di Stephen Strange è un viaggio del tutto individuale – piuttosto noioso e banale, per quel che mi riguarda – sullo sfondo orientalista del Nepal.
  2. Appunto, il Nepal. Kathmandu sostituisce lo sfondo tibetano dei fumetti, mossa commerciale per aggirare problemi di censura nella Cina Popolare. D’altra parte, come nei fumetti il Tibet visitato da Strange non aveva nulla a che fare con la realtà, il Nepal dello Strange cinematografico è uno sfondo su cui si muovo figure di sfondo. Monaci vagamente buddisti che non sanno chi è Beyonce e una rimasticazione ultra pop dell’idea che una generica saggezza orientale possa spiegare cose che la limitata scienza occidentale non sa ancora capire, dal multiverso alle questioni personali. Confesso che avrei preferito do gran lunga una spiegazione el tipo “è magia, punto”.
  3. Cumberbatç è stato più volte chiaccherato come possibile interprete di Doctor Who. Tutto il film è percorso da richiami sottili e meno sottili alla serie inglese. Dall’insistenza sulla questione del viaggio nel tempo all’insistenza di Strange nel farsi chiamare Dottore, il gioco è riprendere elementi classici di Doctor Strsnge e strizzare l’occhio a Doctor Who. Qualcosa di più di una strizzata d’occhio è il finale
    SPOILER DI UNA CERTA IMPORTANZA
    estremamente simile alla soluzione della puntata Heaven Sent. In questo caso, dati i tempi di produzione, non è possibile che ci sia ispirazione diretta, è comunque notevole che quello che di fatto è l’unico guizzo di originalità del film converga così pesantemente su Doctor Who.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...