GUE/NGL: il compromesso sul TTIP ignora le preoccupazioni dei cittadini


Il gruppo dei socialdemocratici al Parlamento Europeo sta sbandierando il compromesso raggiunto in commissione commercio come un grande passo avanti. Ovviamente gli europarlamentari del PD hanno cominciato a far girare questa voce di propaganda negli ambienti del movimento STOP TTIP, dopo averlo ignorato per mesi.
Il GUE/NGL, il gruppo della Sinistra Unitaria Europea/Sinistra Verde Nordica che raccoglie le sinistre radicali di vari paesi europei, tra cui gli eletti della lista italiana L’Altra Europa e quelli di SYRIZA, ha votato contro il compromesso. Questo è il comunicato pubblicato sul sito del GUE:

I sostenitori dell’accordo commerciale ad ampio spettro (TTIP) tra Unione Europea e USA hanno ottenuto una larga maggioranza nel voto odierno alla commissione commercio del Parlamento Europeo su una risoluzione sulle richieste del Parlamento sui negoziati in corso.

Helmuto Scholz [Die Linke, Germania], relatore per il gruppo parlamentare GUE/NGL ha criticato questo risultato: “Il compromesso tra il relatore Lange (gruppo S&D [socialdemocratici, il gruppo del PD] e i gruppi conservatori e liberali ignora deliberatamente le profonde preoccupazioni espresse nel dibattito pubblico in molto paesi membri dell’UE a proposito della creazione di un mercato comune transatlantico.”

Ha aggiunto: “La grande maggioranza delle persone al di fuori della stanza del Comitato rifiuta il meccanismo di risoluzione delle dispute tra investitori e stati (ISDS), ma questo europarlamentari che ne sono favorevoli pensano di saperla più lunga. A mio parere, è arrogante che gli emendamenti tratti dalle opinioni di 5 altre commissioni, incluse quelle degli affari legali e degli affari costituzionali, che hanno chiesto di opporsi all’ISDS, siano stati completamente ignorati, tanto quanto 1 milione e 900mila cittadini europei che hanno già firmato una petizione contro l’ISDS.”

La commissione commercio ha anche respinto le richieste di prevenire la formazione di un “consiglio di cooperazione regolatoria” nel TTIP.

L’eurodeputata olandese Anne-Marie Mineur [Socialistische Partij] ha commentato: “E’ scandaloso vedere come alcuni gruppi politici siano disposti a rinunciare al controllo parlamentare sulle future leggi europee e degli stati membri. Questi europarlamentari, sostenendo il riconoscimento reciproco di differenti standard in Unione Europea e negli USA e alla procedura di sorveglianza per ogni legge che riguardi il commercio e gli investimenti, si dispongo a rinunciare alla democrazia parlamentare per la loro fede quasi religiosa nei benefici promessi del libero scambio.”

L’europarlamentare italiana Eleonora Forenza [L’Altra Europa – Rifondazione Comunista] ha spiegato: “Il TTIP non creerà posti di lavoro, è più probabile che ne brucerà un milione in tutta l’Unione Europa a causa dell’aumentata concorrenza. Questo è il risultato che esce da diversi studi sugli effeti [del TTIP] ed è stato confermato dal capo economista della Direzione Generale del commercio. In ogni caso, ogni nostra proposta, anche solo di nominare questi dati, è stata respinta al voto.”

Altra questione respinta al voto sono state la richiesta di un approccio di “lista positiva” alla salvaguardia di servizi pubblici e altri servizi importanti dagli impegni di liberalizzazioni, come richiesto dalla commissione delle regioni e da molte altre commissioni del Parlamento Europeo.

Rimetteremo in discussione degli emendamenti cruciali al voto in plenaria il 10 giugno, speriamo sinceramente che la maggioranza del parlamento voti diversamente dalla maggioranza della commissione commerci.” ha concluso Helmut Scholz. “Gli europarlamentari dovrebbero ascoltare i loro popoli nei loro collegi di elezione.”

Due note
L’ISDS è una delle parti più contestate dell’accordo. Sostanzialmente sarebbe un meccanismo per cui gli investitori (cioè, i capitalisti) potrebbero citare in giudizio gli stati che facciano delle leggi nocive per i loro affari. Per di più, è un meccanismo che non passa attraverso i tribunali degli stati ma attraverso dei tribunali privati. L’esempio classico è quello dei grandi produttori di sigarette che potrebbero portare in giudizio gli stati per la legislazione anti-fumo

L’approccio di “lista positiva” significa che si nominano esplicitamente i servizi esclusi dalla liberalizzazione.

Per firmare l’appello della campagna STOP TTIP clicca qui

One thought on “GUE/NGL: il compromesso sul TTIP ignora le preoccupazioni dei cittadini

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...