Di Battista, Hillary Clinton e l’ISIS.


Il cicaleccio agostano sull’ISIS sembrerebbe essere dominato dagli interventi del 5 Stelle Di Battista e dell’ex first-lady ed ex ministro degli esteri statunitense Hillary Clinton. Entrambi, a mio modo di vedere, dicono cose interessanti e pericolose. Di entrambi, si riportano però cose che non hanno detto.

Il lungo articolo con cui Di Battista affronta la questione dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante si apre con una digressione storica sostanzialmente condivisibile per quanto svolto per sommi capi, dalla colonizzazione all’opposizione alla guerra di George W. Bush nel 2003, passando poi a proporre 8 punti di azione politica. A fare scandalo sarebbe il sesto punto in cui si proporrebbe di trattare con l’ISIS.

In realtà Di Battista fa una considerazione che a livello generale è di puro buon senso: fermo restando che l’azione non violenta è l’opzione migliore, all’interno di una guerra asimmetrica quello che viene definito dai media occidentali come “terrorismo” è l’unico mezzo di lotta a disposizione e, se si vuol parlare di real-politik, prima o poi bisognerà riconoscere anche alcune delle ragioni dei “terroristi” e intavolare una trattativa.

Il sesto punto di Di Battista quindi non è una “apologia del reato di terrorismo” come sostengono gli attacchi semplicistici di questi giorni. Il problema è più complesso e sorge considerando l’insieme dei punti 5, 6 e 7, dove diviene chiaro che le proposte di Di Battista sono basate su una discreta confusione delle situazioni nell’area e rischiano di peggiorare la situazione.

Il quinti punto parte con un assunto innegabile: i confini usciti dell’era coloniale non hanno spesso e volentieri alcun senso logico. La proposta avanzata da Di Battista di ridiscutere i confini (in Medio Oriente e in Europa!) per ridefinire gli stati su base etnica è però pericolosa e rivela la mancanza di consapevolezza storica sulla decolonizzazione. La purezza “etnica” (che poi vuol dire per religione o per lingua) infatti non è mai stato un fattore di stabilità nelle società post-coloniali, basti pensare alla partition tra Pakistan e India che 70 anni dopo l’indipendenza continua a essere fonte di instabilità tra due potenze nucleari. Il punto è che l’omogeneità etnica dei territori non esiste nella realtà e quando si avvia il meccanismo di divisione si avvia anche quello della pulizia etnica. Lo smembramento della Jugoslavia dovrebbe essere lì a ricordarcelo. E altrettanto la guerra civile in Ucraina.

Tutti i tre punti citati sono attraversati dall’idea che l’ISIS sia un movimento assimilabile a quei movimenti che in alcuni punti della storia sono stati costretti ad adottare pratiche di lotta armata e anche terroristica (che non sono la stessa cosa, ma questo Di Battista non lo sa) dall’imparità dello scontro. Il problema è che l’ISIS non è la Resistenza palestinese, lo Stato Islamico non è un processo di liberazione nazionale, anzi, è il tentativo imperiale di costruire un super-stato che schiacci tutte le differenze del Medio Oriente sotto il tallone del fondamentalismo islamico. E per di più, l’ISIS non è una formazione costretta al terrorismo a causa di un conflitto asimmetrico condotto dall’occupante straniero a colpi di bombardamenti aerei, è semmai strumento di un conflitto asimmetrico che varie potenze regionali (Turchi e Sauditi in testa) hanno condotto contro la Siria.

E qui arriviamo alla Clinton.

La lunga intervista rilasciata al The Atlantic è una requisitoria contro la politica estera della seconda amministrazione Obama. Con tutti gli apprezzamenti di circostanza, la Clinton propone un attacco feroce contro l’attuale Segretario di Stato Kerry, accusandolo di essersi concentrato troppo su Palestina e Israele, senza ottenere risultati, lasciando contemporaneamente decomporre la situazione nel resto del Medio Oriente.

Tra le tante cose dette dalla Clinton, in Italia le è stata affibbiata l’unica cosa che non dice:”l’ISIL è roba nostra ma ci è sfuggita di mano”. E dispiace che ci cada anche una testata on line tendenzialmente ben fatta come Popoff.

Quando l’intervistatore le chiede:”pensa che saremmo arrivato a questo punto con l’ISIS se gli USA avessero lavorato di più tre anni fa nella costruzione di un’opposizione moderata in Siria?“, la risposta è agli antipodi del virgolettato che si è diffuso in Italia:”Beh, non ho una risposta a questo. So che avendo fallito nella costruzione di una forza combattente credibile con coloro che erano all’origine delle proteste con Assad – c’erano islamisti, laici e tutto quello che c’è nel mezzo – il fallimento nel fare questo ha lasciato un grande vuoto che è stato riempito dai jihadisti. Questi sono stati spesso armati in maniera indiscriminata da altre forze e noi non abbiamo avuto nessun ruolo in questo gioco che ci permettesse di prevenire l’armamento indiscriminato.

Parlando della situazione simile in Libia aggiunge:”Noi siamo rimasti lì [in Libia] offrendo soldi e assistenza tecnica […] non solo noi, anche gli europei. Alcuni paesi del Golfo avevano i loro favoriti e sono sicuramente rimasti lì sostenendo le loro milizie favorite”.

Parlando a nuora perchè suocera intenda, Hillary Clinton sostiene che gli Stati Uniti non abbiano nulla a che fare con l’ISIS e che per quel capitolo si possa andare a bussare alla porta degli alleati europei, della Turchia e dell’Arabia Saudita. La Clinton quindi non sta affatto sostenendo che gli USA abbiano creato l’ISIS per poi perderne il controllo, sostiene che gli USA avrebbero dovuto crearsi una fazione interna alla guerra civile siriana da poter controllare direttamente e che la mancanza di interventismo di Obama e Kerry abbia dato via libera all’ISIS.

Interndiamoci, è ben probabile che l’intelligence americana abbia molto più a che fare con l’ISIS di quanto la Clinton voglia ammettere, ma nell’intervista non c’è nessuna ammissione. L’intervista è il lancio della campagna elettorale della Clinton per le primarie nel Partito Democratico. Appare evidente che il leit motiv sarà l’inadeguatezza di Obama e dei suoi uomini nel ruolo di comandanti militari e la necessità di tornare all’interventismo in Medio Oriente, togliendo il controllo del gioco agli alleati europei e del Golfo che si sono rivelati inaffidabili e incapaci di gestire le crisi regionali.

 

Annunci

2 thoughts on “Di Battista, Hillary Clinton e l’ISIS.

  1. Quest’ultimo articolo mi pare sviluppi la risposta che hai scritto al mio commento relativo ai fatti di Gaza.
    Siccome il cicaleccio agostano non si placa, ora la questione si sta spostando dalle dichiarazioni del Di Battista alla questione “armare o no i peshmerga?”.
    Mi pare che tra buona parte dei commentatori, anche di sinistra, sia diffusa l’idea che i curdi (ma soltanto quelli che rispondono a Barzani) vadano armati dall’occidente. Nel caso specifico, il Governo Renzi si butterebbe sul carro di quelli che tentano di rimettere un piede in Iraq, smaltendo sul fronte curdo iracheno le armi sequestrate 20 anni fa al trafficante Zhukov che voleva smerciarle in Croazia e che non si riuscirono a rifilare completamente ai “ribelli” libici nella guerra per procura contro Gheddaffi di 3 anni fa.
    Tu che idea ti stai facendo della questione?

  2. Pingback: Parigi e complottismo, | Soldato Kowalsky

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...