La morte del boia


Il 2014 si apre bene

Fronte Popolare

di Alessio Arena

Sharon_bandiera--400x300Ieri se n’è andato un assassino. L’agonia è stata lunga e l’individuo, con i suoi ricordi intrisi di sangue e sporcizia, con i pensieri di sterminio che ne hanno accompagnato l’intera esistenza, da tempo non era più presente a se stesso. Ieri il suo corpo ha smesso di funzionare e con tutti gli onori verrà preparato all’omaggio dello Stato che ha servito per tutta una vita e per lungo tempo guidato. Il crimine sopravvive dunque al criminale, si approfondisce e si perpetua ogni giorno. Ogni giorno cammina fra la polvere dei campi profughi, nei territori occupati, nelle enclave trasformate in ghetti da bombardare fino a svuotarli prima di vita, poi di memoria, infine di popolo.

Un macellaio è morto per trasformarsi in padre della patria, in campione della causa. Nella fantasia esaltata dei discepoli il suo volto occuperà un posto d’onore come esempio da seguire per i…

View original post 463 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...