Sconfitta, tremenda sconfitta


625605_422297127863754_462647671_n

Una serena e pacata analisi del voto

Siamo stati sconfitti.

Rivoluzione Civile è stata sconfitta. Pur con le attenuanti generiche (censura, voto utile e quantaltro) siamo stati sconfitti e la colpa non può essere che nostra.

A sinistra non c’è vita.

Rivoluzione Civile ha provato a costruire il fronte più ampio possibile a sinistra, fuori dal centrosinistra. Ed è stata sconfitta. Col 2% si è poco più di una forza residuale.

Il PCL puntava a capitalizzare l’effetto “unica falcemartello sulla scheda”, ma è indietreggiato ad uno 0,26% che lo rilega nella categoria di quelli che vengono votati a caso, insieme alla lista di Pannella e al Movimento Bunga Bunga.

SEL è l’unico soggetto a ottenere rappresentanza parlamentare. Col 3%. Ovviament la situazione non è tale da poter trattare un 3% con sufficienza. Masticazzi. Il progetto di Vendola di fare la grande sinistra del centrosinistra è fallito. A differenza degli altri, SEL vivacchierà coi soldi dei rimborsi (a meno che Bersani non decida di sacrificare anche quello sull’altare del dialogo con Grillo).

Atomica sulla sinistra lombarda.

Pisapia ha voluto candidare Ambrosoli dicendo che bisognava candidare un moderato perchè in Lombardia c’è Milano città progressista ma ci sono anche le valli. Infatti Ambrosoli ha snobbato le valli e ha preso i voti solo a Milano.

La sinistra non entra in Consiglio Regionale. La lista di SEL non arriva al 2%. Quella di Etico (il mostruoso simbolo futurista dietro cui c’erano Rifondazione e Di Stefano) riesce nella titanica impresa di prendere meno dell’1%. In Lombardia la sinistra non ha bisogno di tornare tra la gente. Non ha neanche bisogno dell’intercessione della Madonna di Valpozzo. Ha bisogno di essere nuclearizzata.

Annunci

2 thoughts on “Sconfitta, tremenda sconfitta

    • Ah, boh.

      Questo è il post dell’accettazione del lutto.
      Poi viene l’elaborazione.

      Poi magari si ricomincia a vivere, e si vedrà se con i cocci che abbiamo in mano si può ancora fare qualcosa.
      L’unica cosa che si può dire con certezza è che come sinistra politica siamo ininfluenti e nelle prossime settimane possiamo solo stare a guardare come la sfangano sul Presidente della Repubblica e sul governo, e soprattutto stare a vedere se la sfanga l’euro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...