Come si fa a fare la rivoluzione?


Interessante intervento di Carlo Formenti sulla rivista Alfabeta2: Il grado zero della teoria rivoluzionaria.

Ottimo su anarchici e post-operaisti, su illusioni e non-violenza.

Comprensibile che rispetto alla galassia dei partitini neocomunisti possa esserci diffidenza dopo anni di scemenze. Però dovrà arrivare anche l’ora in cui gli intellettuali, quelli che come Formenti sono riusciti a non bruciarsi il cervello negli ultimi 20 anni, sorpassino la fase del grillo parlante e comincino a sporcarsi le mani con la nuda materialità del farla, ‘sta rivoluzione.

Mimmo Porcaro invece non si tira indietro e mette mani e cervello nell’intellettuale collettivo che faticosamente si cerca di costruire da 20 anni con il nome di Partito Della Rifondazione Comunista. Sul sito di informazione on line del PRC, Controlacrisi.org, è uscito recentemente il suo intervento Lezioni dalla crisi: elementi di una politica comunista.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...